Connect with us

Basket

Nba, i risultati della notte: LeBron salva gli Heat

Pubblicato

|

LBJ protagonista della notte Nba.

Mancano solo due giorni all’inizio del weekend dell’All Star Game, e nel programma Nba scendono in campo quasi tutte le squadre. Tutte le sintesi delle gare Nba le trovate solo su SportCafe24:

Golden State Warriors-Miami Heat 110-111

Uno di differenza. Inteso come punto, ma anche come uomo, e l’uomo che può fare la differenza è solo uno. LeBron James si carica sulle spalle la squadra e la trascina a una vittoria tutt’altro che facile. Gli Heat sembrano in grado di vincere senza troppi patemi, portandosi nel corso del match fino al +21. Miami però non fa i conti con il carattere della franchigia di San Francisco che, guidata come sempre da Steph Curry, riesce a rifarsi sotto fino a trovare il sorpasso all’inizio dell’ultima frazione. Ben 13 dei suoi 29 punti contribuiscono alla rimonta che porta gli Warriors dal 75 a 54 fino all’87-84. Qui però inizia il LeBron James Show: King James ingaggia una sfida a colpi di classe con Curry – 4 punti a testa nell’ultimo minuto – fino al gioco da tre punti di SC30 che sembra condannare gli Heat. Nell’ultimo possesso la giocata della notte: James porta palla in isolamento, arresta e tira da 3 punti con ancora 1 decimo sul tabellone. Il risultato? L’unico possibile: retina che si muove, Miami che vince. Heat costantemente secondi a Est (37-14), Warriors ancora in possesso dell’ultimo slot disponibile ad Ovest (31-22).

Golden State: Curry 29, Lee 21, Thompson 17, Barnes 14. Rimbalzi: Lee 11. Assist: Curry 7.
Miami: James 36, Bosh 19, Beasley 16, Chalmers 12, Cole 10. Rimbalzi: James 13. Assist: James 9.

Los Angeles Clippers-Portland Trail Blazers 122-117

Griffin vince il duello con Aldridge, e i Clippers (37-18) conquistano la sfida per il quarto posto ad Ovest contro Portland (36-17). Blake ne mette 36, chiude la doppia doppia con 14 rimbalzi conducendo i suoi ad una vittoria importantissima. Va ai losangelini anche l’altro duello della partita, quello tra Chris Paul – 20 punti e 12 assist – e Lillard. I due sono protagonisti della giocata decisiva: a 1 minuto e 24 dalla fine Paul ruba palla al giovane avversario e lancia il contropiede. DeAndre Jordan mette nel canestro e i Clippers volano a +3. I Blazers hanno più di una possibilità di pareggiare, ma Batum le spreca entrambe.

Los Angeles: Griffin 36, Crawford 25, Paul 20, Jordan 14. Rimbalzi: Griffin 10. Assist: Paul 12.
Portland: Aldridge 25, Lillard 21, Matthews 15, Batum 13, Lopez 12, McCollum 11. Rimbalzi: Batum 7. Assist: Batum 7.

Utah Jazz-Philadelphia 76ers 105-100

A decidere la sfida tra Jazz (19-33) e 76ers (15-39) ci pensa Burks, con un parzialone solitario di 9-0 che fa scappare definitivamente la franchigia di Salt Lake City. Anderson ne segue l’esempio per gli ospiti – 3 triple in 14”- ma ormai è troppo tardi.

Utah: Burks 26, Hayward 17, Williams 13, Jefferson e Kanter 12, Evans 10. Rimbalzi: Williams 14. Assist: Hayward 7.
Philadelphia: Turner 21, Young e Carter-Williams 19, Hawes 16, Anderson 15. Rimbalzi: Hawes 11. Assist: Carter-Williams 8.

Detroit Pistons-Cleveland Cavaliers 89-93

Con Datome ancora a fare da spettatore i Pistons (22-30) falliscono la possibilità di agganciare Charlotte all’ultimo posto valido per i Playoff. Si rifanno sotto i Cavaliers, che con la coppia Irving-Thompson raggiungono quota 20 vinte – 33 perse – e infiammano la lotta per la Post Season.

Detroit: Smith 18, Drummond 16, Monroe 16. Rimbalzi: Drummond 17. Assist: Jennings 5, Monroe 5.
Cleveland: Thompson 25, Irving 23. Rimbalzi: Thompson 15. Assit: Jack 8.

Questa notte sono in programma solo due partite:

02:00 Chicago Bulls-Brooklyn Nets

04:30 Los Angeles Lakers-Oklahoma City Thunder

Simone Viscardi

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending