Walter Molino
1 Comment

Il Milan naufraga a Napoli: il 4-2 fantasia di Seedorf così non paga

Squilibrio tattico e difesa di burro sono i difetti peggiori dei rossoneri, che escono male dal San Paolo

Il Milan naufraga a Napoli: il 4-2 fantasia di Seedorf così non paga
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Clarence Seedorf

Clarence Seedorf, allenatore del Milan

Le prime cinque gare dell’era Seedorf hanno più ombre che luci per il popolo rossonero: 2 sconfitte, un pareggio e 2 vittorie tra coppa Italia e Campionato. Non è di certo un bottino soddisfacente, l’unica nota positiva sono state le vittorie contro il Verona e contro il Cagliari che hanno permesso di allontanarsi dalla zona retrocessione: considerando che stiamo parlando del Milan davvero il minimo sindacale. Se i risultati sono stati raggiunti a metà, il gioco fa fatica a vedersi e la difesa è il reparto che più preoccupa.

NOODORF – A chi non piacerebbe avere un allenatore giovane che porta una ventata di novità con le sue idee appena sfornate? Se poi questo allenatore giovane si chiama Clarence Seedorf e ha fatto la storia recente del tuo club ancora meglio. A chi non piacerebbe il progetto del 4-2-fantasia, con tutti gli attaccanti possibili in campo? Se poi conduci il mercato di gennaio in funzione di questo modulo ancora meglio. Il problema reale è che quando una squadra è in difficoltà, per mancanza di risultati, di gioco e di idee la cosa peggiore da fare è proprio consegnarla ad una persona alle prime armi con il mestiere. Diciamoci la verità, aver consegnato il Milan a Seedorf è un po’ come nominare uno studente del primo anno di economia, presidente della Banca Centrale Europea. L’esperienza, la gavetta, la deve fare altrove, non quando la situazione è critica e c’è da mettere pezze ovunque. Le uniche due vittorie dell’era Seedorf sono arrivate in maniera non del tutto netta: contro il Verona risolta con un calcio di rigore; contro il Cagliari rimontata nel finale con un guizzo di Pazzini.

MANCANZA DI EQUILIBRIO – Nella sua ventata di novità, l’olandese ha scelto un calcio votato all’attacco: tre trequartisti, Balotelli e chi più ne ha più ne metta. Il mercato di gennaio ha aggiunto alla squadra Honda, Taarabt, e Biabiany non è arrivato per pochissimo. Se aggiungiamo il giapponese e l’algerino a Kaká, Birsa, Saponara, Robinho e potenzialmente El Shaarawy, abbiamo un totale di 7 trequartisti o mezze punte che dir si voglia. Come punta c’è Balotelli, Pazzini ed è addirittura tornato Petagna dal prestito. Tutto bellissimo. Ma se nel 4-2-3-1 i trequartisti non danno un consistente apporto in fase difensiva, difficilmente le cose possono andare bene. Specialmente se la difesa è già precaria. Mexès non è più quello di una volta e le sue cattive prestazioni sono ormai all’ordine del giorno. È arrivato Rami che sembra poter dare qualcosa in più, ma nel complesso il Milan è troppo debole dietro e non è in grado di supportare 4 attaccanti, perché sì, il Milan gioca così. È comprensibile che Clarence voglia cercare di imporre la sua idea di gioco, e caparbiamente insistere con questo sistema di gioco, ma è altrettanto ovvio che le persone intelligenti sono quelle che sanno cambiare la propria idea, e apportare modifiche per migliorare i propri progetti, facendo anche autocritica e l’ex Botafogo è sicuramente una persona del genere.

Walter Molino (@matchbeth)

Share Button

One Response to Il Milan naufraga a Napoli: il 4-2 fantasia di Seedorf così non paga

  1. sergio 9 febbraio 2014 at 10:44

    MA E’ PROPRIO COSI DIFFICILE CAPIRE CHE CON I GIOCATORI A PARAMETRO ZERO SI HA UNA SQUADRA CHE VALE ZERO ?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *