Enrico Cunego
No Comments

Nba: ko Oklahoma ad Orlando, successi per Detroit e Cleveland

Nella notte NBA cadono a sorpresa i Thunder in Florida, mentre non basta John Wall ai Wizards per vincere contro Cleveland. Ko anche per i Nets a Detroit.

Nba: ko Oklahoma ad Orlando, successi per Detroit e Cleveland
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Inutili i 32 punti di John Wall contro i Cavaliers

Inutili i 32 punti di John Wall contro i Cavaliers

Gioiscono gli outsider. Potremmo descrivere così i risultati maturati da 3 delle 10 sfide della notte NBA. Ad Orlando gli Oklahoma Thunder di Durant ed Ibaka subiscono la rimonta degli avversari dopo aver dominato a lungo, mentre a Detroit i Pistons dominano i Nets rimanendo in corsa per un posto a i play-off, a cui difficilmente potrà ambire Cleveland, che però fa un brutto scherzetto ai Washington Wizards, quinta forza della Eastern Conference e sconfitta davanti al proprio pubblico. Andiamo a scoprire nel dettaglio ciò che è successo in queste 3 gare.

ORLANDO MAGIC-OKLAHOMA CITY THUNDER 103-102

Partita scoppiettante all’Amway Center di Orlando, dove i padroni di casa beffano i favoritissimi Thunder proprio allo scadere agrazie ad una super giocata di squadra. Ed è proprio l’intesa tra compagni a regalare la vittoria, visto che il miglior marcatore con 18 punti è Tobias Harris seguito a 16 da Afflalo ed a 14 dalla coppia Oladipo-Davis. Da aggiungere anche il lavoro sotto canestro di Vucevic che ottiene 10 punti e 10 rimbalzi. Dall’altra parte per i Thunder solito partitone di Durant con 29 punti e 12 assist, cui da un soldi apporto solo Ibaka con 26 punti. Ma è troppo poco per poter sperare in una vittoria che sembrava a portata di mano fino all’inizio del terzo quarto, con la squadra di coach Scott Brooks avanti 65-51 all’intervallo lungo. La musica non sembra cambiare nemmeno alla ripresa del gioco, ma sul finire del terzo e soprattutto all’inizio del quarto quarto parte la rimonta Magic, che si concretizza col 95-92 di O’Quinn a meno di 7 minuti dalla fine. Nel finale si risvegliano i Thunder che ad 1:46 dal termine sparano la tripla del 102-99 con Sefolosha. Tutto finito? Neanche per sogno, perchè i Magic hanno la forza di accorciare e di arrivare a 10 secondi dalla fine sul 102-101. Durant sbaglia il tiro della vittoria ed i Magic partono velocissimi in contropiede con un azione magistrale orchestrata da Oladipo, che serve Harkless il quale mette il pallone in maniera perfetta per la schiacciata proprio allo scadere di Harris. Finale spettacolare e festa grande all’Amway Center. Magic alla seconda vittoria di fila ma sempre lontanissimi dai play-off, mentre per i Thunder è la dodicesima sconfitta stagionale.

Orlando: Harris 18, Afflalo 16, Oladipo e Davis 14. Rimbalzi: Vucevic 10. Assist: Nelson, Afflalo 5

Oklahoma: Durant 29, Ibaka 26. Rimbalzi: Ibaka 6. Assist: Durant 12

DETROIT PISTONS-BROOKLYN NETS 111-95

Brutta battuta d’arresto per i Nets, che a Detroit incappano in una netta sconfitta contro degli ottimi Pistons che dominano in lungo ed in largo la gara, lasciando spazio a Brooklyn solo nel finale a gara ormai decisa. Pessima la prova da 3 della squadra di Jason Kidd, che nei primi 2 quarti sbaglia quasi tutti i tiri dalla lunga distanza con Johnson, Terry ed Anderson. Dall’altra parte i Pistons, che per l’ennesima volta lasciano in panca il nostro Gigi Datome per tutta la gara, vivono una grande serata grazie ai 26 punti di Jennigs ed ai 23 di Smith arricchiti da una mostruosa prestazione sotto canestro di Drummond: cifra record di 22 rimbalzi per lui. Anche negli altri 2 quarti la musica non cambia ed i Pistons arrivano per fino a toccare i 19 punti di vantaggio, prima di rilassarsi e di concedere un pò di punti agli avversari Nel finale infortunio per Smith, costretto ad abbandonare il campo. Un grave infortunio sarebbe una grossa tegola per i “Pistoni”, che con questo successo rimangono sempre molto vicini all’ottavo posto della Eastern Conference che significa play-off, mentre dopo due successi torna alla sconfitta la squadra di Kidd, al settimo posto ad Est.

Detroit: Jennings 26, Smith 23. Rimbalzi: Drummond 22. Assist: Jennings 9

Brooklyn: Terry 18, Johnson 16. Rimbalzi: Evans 9. Assist: Teague 4

WASHINGTON WIZARDS-CLEVELAND CAVALIERS 113-115

Privi di Luol Deng, i Cavs conquistano un’ottima vittoria grazie alle grandi prove di Waiters ed Irving, a cui cerca di ribattere un ottimo John Wall da 32 punti e 10 assist, inutili però per i Wizards. La partita è all’insegna dell’equilibrio fino all’inizio del quarto quarto, nonostante il sempre sterile dominio dei Cavs con Washigton sempre costretta rincorrere. Ma, come detto, sul finale di gara i Cavs provano a prendere il largo ed a 5:38 si ritrovano avanti 103-91 con un grande canestro di Irving. Ma i Wizards non ci stanno e si rifanno sotto 115-110, segnando la tripla del 115-113 con Webster a 2 secondi dalla fine. Ma è troppo tardi ed i Cavs si portano a casa una vittoria che da morale più che altro, visto che ormai il sogno play-off sembra svanito. Ai play-off ci andrà probabilmente Washington, che però nelle ultime 5 gare ne ha perse 3, perdendo contatto con Atlanta, attualmente al quarto posto e quindi testa di serie.

Washigton: Wall 32, Gortat 19. Rimbalzi: Gortat, Nene 8. Assist: Wall 10

Cleveland: Waiters 24, Irving 23. Rimbalzi: Thompson 8. Assist: Irving 12

QUESTA NOTTE – Si giocheranno altri nove match in nottata:

Charlotte Bobcats – San Antonio Spurs
Atlanta Hawks – Memphis Grizzlies
Detroit Pistons – Denver Nuggets
Minnesota Timberwolves – Portland Trail Blazers
Milwaukee Bucks – Houston Rockets
Phoenix Suns – Golden State Warriors
Utah Jazz – Miami Heat
Oklahoma City Thunder – New York Knicks
Los Angeles Lakers – Chicago Bulls

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *