Erika Aleksandra Provenzano
No Comments

C’era una volta… il Bel Paese

Per ridurre le spese non si studia più l’arte

C’era una volta… il Bel Paese
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’Italia, un Paese ridotto all’osso. La crisi imperversa e si devono trovare delle soluzioni. Quindi si decide di cancellare e diminuire le ore dedicate allo studio dell’arte a scuola perché il Governo non ce la fa a sostenere le spese. Agli italiani questa Italia non piace più. Ha stufato. Eliminare dalle scuole lo studio delle materie artistiche significa contribuire alla realizzazione di un Popolo ignorante. I ragazzi devono conoscere il patrimonio culturale e artistico della loro Patria. Sono aspetti legati al concetto di identità. Continuando di questo passo i giovani cresceranno a colpi di talk show e di “Grandi fratelli”.

L’ITALIA CROLLA A PEZZI COME I SUOI MONUMENTI – I monumenti italiani così come i musei sono abbandonati a loro stessi, perché sono sempre meno i finanziamenti riservati alla cura del patrimonio artistico. A Pompei crolla la Domus dei Gladiatori, poi si può continuare l’elenco con i pezzi della Domus Aurea, del Colosseo, eccetera. Non è togliendo l’arte dalle scuole che l’Italia risolve i suoi problemi.

L’IDEA DI PROGRESSO – Forse l’Italia guarda alle nuove tecnologie, all’industria, alla matematica. Tutto questo è giusto anzi anche in questo campo potrebbe applicarsi un po’ di più. Per progresso però non si intende solo quello. L’Italia deve anche seguire le sue inclinazioni e deve prendersi cura di quello che possiede già, forse non per molto continuando di questo passo. Per arte ovviamente non si intendono solo i monumenti ma anche i paesaggi. Da Nord a Sud offre scenari bellissimi e anche molto diversi tra loro. Dalle Alpi alla pianura, dalle città d’arte ai luoghi di mare. Vengono in mente anche alcuni versi del Canzoniere di Petrarca: “il bel paese Ch’Appennin parte, e ’l mar circonda e l’Alpe”. Insomma si può spaziare. Bisogna puntare sul turismo, sulla ricerca e sui giovani. Basta con le fughe di cervelli. Altrimenti ben presto saremo costretti a cancellare dai dizionari la voce “belpaese”. Una volta erano gli artisti a recarsi in Italia, ora sono gli artisti che se ne devono andare.

Erika Aleksandra Provenzano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *