Enrico Cunego
No Comments

MLS: David Beckham presenta i Miami FC

Il campione inglese si appresta a presentare la nuova franchigia con sede nella città della Florida. Possibile l'ingresso di Lebron James? Intanto si cerca uno stadio

MLS: David Beckham presenta i Miami FC
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
L'asso NBA possibile socio?

L’asso NBA possibile socio?

Nuova vita per David Beckham, che nella giornata di mercoledì diventerà ufficialmente il nuovo proprietario di una nascente franchigia (la 22/esima) dell’ MLS: i Miami FC. Nome che potrebbe essere provvisorio per una squadra che non militerà nel campionato nordamericano di “soccer” prima del 2016. La presentazione avverrà in compagnia di Don Garber, commissioner di una lega in costante crescita e che ha iniziato a decollare proprio grazie allo “Spice Boy”, che nel 2007 firmò un quinquennale da 50 milioni a stagione con i Los Angeles Galaxy, squadra che portò al titolo nel 2011 e nel 2012. Un ritorno in grande stile nel mondo del calcio, quello del trentottenne ex asso di Manchester United, Real Madrid, Milan e PSG, che ora deve provvedere a trovare nuovi soci per una franchigia che si preannuncia ambiziosa. Ed i candidati ad entrare in società non mancano assolutamente.

UN LEBRON IN PIU’? – Un nome che circola con insistenza è quello di Lebron James, la stella indiscussa dell’NBA e dei Miami Heat. Il fenomeno di Akron, Ohio, avrebbe dichiarato più volte di essere entusiasta dell’idea di formare una squadra di “soccer” per la città di Miami, città che conta un enorme fetta di popolazione di origine latino-americana e che si rivela decisamente come una vetrina importantissima per l’ulteriore espansione del calcio negli Stati Uniti. Già proprietario di quote minoritarie del Liverpool, Lebron aveva dichiarato nel recente novembre di “essere diventato un buon amico di David e di essere molto interessato al progetto”. Parole importanti per un campione che offrirebbe volentieri la propria immagine per questa operazione, che potrebbe coinvolgere anche Stephen Ross, proprietario di un’altra istituzione sportiva cittadina come i Miami Dolphins, mitica squadra di football che gioca i propri incontri al “Sun Life Stadium“, impianto da 75 mila spettatori e possibile provvisoria casa della nascente franchigia. Il problema inerente allo stadio è un altro grosso grattacapo per David Beckham, che insieme ai futuri soci dovrà provvedere a varare un piano per il futuro impianto dedicato esclusivamente al “soccer”.

UNA OPERAZIONE AMBIZIOSA – Come detto, il ritorno di Beckham nel rampante calcio a stelle e strisce ha ridato entusiasmo ad un intero movimento e la scelta della città del Sud della Florida non è affatto casuale. Si tratta di una delle città più note dell’enorme paese nord-americano, già casa di squadre “mitiche” come Heat e Dolphins e con un’enorme passione sportiva. La spinta della numerosissima comunità latino-americana, come accennato in precedenza, potrebbe dare un ulteriore decisiva spinta al decollo del Miami FC, visto che l’MLS è molto seguita dagli immigrati messicani e dai sudamericani. Inoltre, per lo “Spice Boy” c’è da riscattare il precedente fallimento dei Miami Fusion, squadra della vecchia MLS che scomparve miseramente nel 2001, a causa dei pessimi risultati e dello scarsissimo seguito. Riuscirà David ad appassionare la “Magic City” al soccer?

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *