Connect with us

Buzz

Walter Mazzarri, ancora di salvezza per un’Inter alla deriva

Pubblicato

|

Mazzarri stoppa Mihajlovic

“Il meglio deve ancora venire”. Il titolo dell’autobiografia di Walter Mazzarri, pubblicata nei giorni scorsi, racconta al meglio il momento della sua Inter, in crisi d’identità, gioco e risultati, ma che ha dalla sua la determinazione di un allenatore in grado di venir sempre fuori dalle difficoltà. I nerazzurri hanno tanti, troppi problemi, ma il tecnico livornese non rientra nella lista nera, e anzi, può essere l’ancora di salvezza di una nave alla deriva. “Il meglio deve ancora venire” è anche una canzone di Luciano Ligabue, storico tifoso dell’Inter, ed è dai titoli di alcuni suoi pezzi che prende spunto l’apologia di un allenatore criticato ben oltre i suoi demeriti.

Ricky Alvarez, fantasista dell'Inter

Ricky Alvarez, fantasista dell’Inter

“QUELLA CHE NON SEI” – Il blasone, se non è supportato dalla forza tecnica, non basta. È evidente che la rosa dell’Inter di questa stagione non sia al livello di quelle di Juventus, Roma, Napoli e forse neanche della Fiorentina. Le capacità tattiche e motivazionali di un allenatore sono fondamentali nella ricerca di un successo, ma non sono tutto. Elementi come Rolando (il fatto che sia una delle note più positive del momento attuale è quasi un paradosso), Juan Jesus, Kuzmanovic e Alvarez quasi sicuramente non sarebbero titolari nelle squadre sopracitate, Cambiasso e Milito non hanno più l’età necessaria per reggere un’intera stagione ad altissimi livelli, mentre altri come Kovacic, Taider e Icardi sono ancora troppo acerbi per poter essere decisivi in un top club. Sono giovani, hanno bisogno di tempo e qualche pressione in meno sulle spalle. È complessivamente una rosa da quinto o sesto posto, e l’andamento di Mazzarri è in questo momento su quella linea.

“QUESTA È LA MIA VITA” – La coerenza nel perseguire fino in fondo un credo tattico è caratteristica imprescindibile di un allenatore di successo. Nel corso della sua carriera non è mai stato esonerato, eccezione rilevante nel vorticoso calcio italiano. I miracoli compiuti a Livorno, Reggio Calabria, Genova e Napoli testimoniano la bontà delle sue idee, quasi sempre vincenti. L’Inter è una squadra reduce da un recente cambio societario e in fase di rinnovamento. Non si fa una rivoluzione calcistica in un paio di mesi, è necessario dargli tempo e la possibilità di sbagliare. Il problema non è adattare un progetto tecnico alle caratteristiche dei giocatori, ma costruire una rosa funzionale alle idee di un allenatore. Se Thohir vorrà puntare su di lui anche in futuro, dovrà tenerlo presente.

Palacio atterrato in area da Zapata durante Inter-Milan

Palacio atterrato in area da Zapata durante Inter-Milan

“URLANDO CONTRO IL CIELO” – Un’altra caratteristica di Mazzarri è quella di criticare spessissimo l’operato degli arbitri: in certi casi è un po’ “piangina”, ma le lamentele in questa stagione sono più che fondate. L’Inter non ha ancora ricevuto a favore neanche un rigore, nonostante ci siano state occasioni in cui l’assegnazione del penalty sarebbe stata la scelta più giusta. L’atterramento di Palacio da parte di Zapata nell’ultimo derby è solo uno dei tanti casi citabili. Se i nerazzurri avessero ricevuto a favore almeno la metà di quei rigori, probabilmente ora la classifica darebbe altre sentenze (con sei punti in più l’Inter si troverebbe a -2 dalla Fiorentina e a -5 dal Napoli).

“IL GIORNO DEI GIORNI” – La crisi dell’Inter è grave e da arginare subito, l’arrivo di Hernanes e la valorizzazione di Botta potrebbero essere utili in questo senso, ma sparare sulla croce dell’allenatore, pratica diffusa in Italia, è deleterio. Walter Mazzarri ha già voltato pagina dopo la sconfitta disastrosa di Torino e volge ora lo sguardo verso la sfida decisiva contro il Sassuolo. La partita di domenica prossima sarà il primo “giorno dei giorni”, ma un’eventuale sconfitta non darebbe indicazioni sulla necessità di cambiare guida tecnica. La pazienza è la virtù dei forti, e i tifosi dell’Inter si augurano che Thohir lo sappia.

Antonio Casu

@antoniocasu_

 

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending