Redazione

Liverpool disattento, Arsenal ancora primo: la sintesi dei due match

Liverpool disattento, Arsenal ancora primo: la sintesi dei due match
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ad una settimana dallo scontro diretto, Liverpool ed Arsenal ne arrivano in modo diverso. I Reds appagati e deconcentrati pareggiano, i Gunners vincono ancora.

 

Touré, il suo errore porta al pari del WBA

Touré, il suo errore porta al pari del West Brom

WEST BROM – LIVERPOOL 

Un Liverpool eccessivamente appagato da un gol di vantaggio, si fa recuperare il match da un buon West Bromwich Albion. Ecco la sintesi della partita giocata quest’oggi in una frase. La squadra di Rodgers inizia bene e trova il gol con Daniel Sturridge, terzo gol in due partite, elaborando un buon gioco nella prima parte. I Reds vanno vicinissimi al raddoppio con Suarez che grazie alla sua tecnica individuale riesce a farsi beffe della difesa avversaria, ma che non trova la rete per via della parata del portiere Foster su una conclusione a cui mancava, certamente, “cattiveria”. L’errore del numero 7 è più che rappresentativo nel mostrare l’evidente calo di concentrazione da parte del Liverpool nel secondo tempo e, dunque, il West Brom ne coglie l’occasione. Al ’54, solo Mignolet salva il Liverpool, vanificando un pericoloso tiro di McAuley, ma non può nulla circa 12 minuti dopo, quando un insensato ed assurdo retropassaggio di Kolo Touré permette ad Anichebe di realizzare il gol del pareggio. Un Liverpool colpito e confuso cerca in seguito di riconquistare il vantaggio, ma invano, con il peggior Touré della stagione, capace di peggiorare una propria disastrosa prestazione anche dopo il gol avversario da lui causato. Al The Hawthorns, alla fine, termina 1 a 1, con il rimorso di Brendan Rodgers di aver sprecato un occasione per avvicinarsi alle prime tre e all’imminente match contro l’Arsenal nel miglior dei modi.

ARSENAL – CRYSTAL PALACE

Se la continuità comincia a diventare sinonimo di occasione, l’Arsenal ha capito come comportarsi, come diventare una squadra completa e quadrata. Tatticamente e tecnicamente già lo era: anche oggi, infatti, il bel gioco non è mancato, ma forse l’emozioni. Nonostante uno scialbo primo tempo, il match viene deciso durante la ripresa con due gol dei Gunners. Se nella prima fazione il Crystal Palace si barrica in difesa, con la speranza, definibile quasi come “utopia”, di una probabile ripartenza, nel secondo tempo subisce eccessivamente la pressione della squadra di Wenger, premiata dal gol al 47’ di Oxlade-Chamberlain. L’Arsenal si comporta da grande squadra e non concede praticamente nulla agli avversari, cui solo i tifosi accorsi in trasferta ne escono davvero vincitori; al 73’ arriva il 2 a 0, ancora con il talento inglese Chamberlain. All’Emirates, dunque, termina 2-0 con i Gunners che si godono il meritato primato in classifica, in attesa del match contro il Liverpool della prossima settimana.

Alessandro Triolo

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *