Antonio Scali

“CurioSport”- la favola di Arno Rossini, da bidello svizzero a vice allenatore della Lazio

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ROMA, 2 GIUGNO 2012-  La Lazio ha scelto il sostituto di Reja: si tratta di Pektovic, allenatore serbo poco noto in Italia su cui ha deciso di puntare la società biancoceleste sollevando le perplessità di parte della tifoseria. L’ex allenatore del Sion guadagnerà 600mila euro a stagione ed è pronto per lui un contratto da due anni. Manca solo la firma.  Per l’appuntamento di oggi con la rubrica “CurioSport” ci occupiamo della simpatica storia di Arno Rossini, attuale bidello nella Scuola cantonale di Commercio di Bellinzona, che Pektovic ha scelto come suo vice alla Lazio. Una vera e propria favola d’altri tempi come ormai se ne vedono poche nel calcio opulento di oggi.

ROSSINI- Arno Rossini ha comunque uno stretto legame con il mondo del calcio: ha allenato il Locarno nel 2008 ed è stato osservatore per lo Young Boys. Adesso il vero salto di carriera che però lo allontanerà dai suoi ragazzi della scuola di Bellinzona. A tal proposito il vicepreside ha commentato:  “Rossini è uno dei nostri custodi in carica – dice Adriano Agustoni a ‘Ticinonline’- lavora da noi da una vita. Una persona con una passionaccia che ora ha la possibilità di provare a levarsi qualche soddisfazione.  Ha sempre saputo dividersi alla perfezione tra dovere e piacere. Nei prossimi mesi però, temo, non potrà farlo. Non sarà in ogni caso un problema: Arno ha infatti la possibilità di chiedere un congedo temporaneo dall’impiego. Potrà così impegnarsi al massimo nella sua nuova avventura“.  Non ci resta che fare l’in bocca al lupo a questo simpatico bidello con la passione per il calcio, augurandogli di scrivere delle belle pagine di sport e di entrare nei cuori dei tifosi.

a cura di Antonio Scali

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *