Daniel Degli Esposti
No Comments

Premier League: il City annienta il Tottenham. Il Chelsea rallenta

A White Hart Lane finisce 1-5, ma c'è apprensione per il nuovo problema occorso ad Aguero. Mezzo passo falso del Chelsea, show a Birmingham.

Premier League: il City annienta il Tottenham. Il Chelsea rallenta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Edin Dzeko e Sergio Aguero, attaccanti del Manchester City

Edin Dzeko e Sergio Aguero, attaccanti del Manchester City

Il City ha travolto gli Spurs e ha conquistato la vetta della classifica della Premier League nonostante l’infortunio di Aguero. Chelsea bloccato sullo 0-0.

CITY CAPOLISTA – La Premier League ha una nuova capolista: il Manchester City di Manuel Pellegrini. Nel turno infrasettimanale del massimo campionato inglese, gli Sky Blues hanno seppellito il Tottenham con una prestazione magistrale. Aguero e compagni hanno iniziato il match in maniera arrembante: gli attacchi dei Citizens hanno fatto molto male alla difesa degli Spurs. La rete dello 0-1 ha premiato la pressione degli ospiti e ha mostrato al mondo la straordinaria tecnica latina degli avanti celesti e la grande sagacia tattica del Kun. Il vantaggio non ha spento la fame della metà celeste di Manchester: nonostante gli errori di Dzeko e il nuovo infortunio di Aguero, i ragazzi di Pellegrini hanno dominato la contesa.

All’inizio del secondo tempo, un fallo in area di Rose su Dzeko ha regalato ai Citizens un calcio di rigore e la superiorità numerica: la trasformazione di Yayà Touré ha aperto ai suoi compagni la strada verso i tre punti. Pochi istanti dopo la seconda gioia, l’attaccante bosniaco ha ritrovato la vena e ha messo alle spalle di Lloris un facile appoggio dal cuore dell’area. Il City ha sofferto soltanto sulle palle inattive: il momentaneo 1-3 di Capoue è arrivato sugli sviluppi di un corner, dopo che la retroguardia Sky Blue si era leggermente rilassata. Il gol dell’obiettivo di mercato del Napoli non è bastato a risollevare le sorti degli Spurs: l’inferiorità numerica e la forza tecnica dei loro avversari hanno tarpato le ali alle velleità di rimonta della truppa di Sherwood. Le reti di Jovetic e Kompany hanno lanciato i Citizens in vetta alla classifica della Premier League e hanno mandato un segnale forte e chiaro a tutta l’Europa: il denaro dello sceicco Mansour ha fatto crescere un’autentica corazzata, che lotterà fino all’ultimo secondo della sua stagione. Se Aguero non dovrà saltare un’altra parte rilevante di stagione, la luna di Manchester potrebbe tingersi di blu su tutti i fronti.

Mourinho, allenatore del Chelsea sconfitto per 2-0 dal Newcastle

Mourinho, allenatore del Chelsea

CHELSEA BLOCCATO DAGLI HAMMERS – José Mourinho ha fallito l’aggancio ad Arsène Wenger: il Chelsea è stato bloccato sullo 0-0 dall’ex-fanalino di coda West Ham e non è riuscito ad accorciare le distanze dalla vetta della classifica della Premier League. Il derby londinese è stato caratterizzato dalla voglia di non perdere degli Hammers e dallo strano ritmo dei Blues: Eto’o e compagni non hanno affrontato i loro avversari con la giusta cattiveria e non sono riusciti a incidere sulla gara. Nell’umida serata di Stamford Bridge, il proverbiale cinismo “mourinhiano” ha lasciato spazio a una sterile inconcludenza e al mini-allungo del Manchester City di Pellegrini; tra le file degli ospiti, l’esordio di Nocerino – subentrato all’80° – ha contribuito a sostenere la pressione dei Blues e a mantenere uno 0-0 tanto scialbo quanto prezioso. I tifosi del West Ham possono continuare a sperare: le loro meravigliose bolle di sapone non sono troppo lontane dalla salvezza.

Benteke, attaccante dell'Aston Villa

Benteke, attaccante dell’Aston Villa

SUNDERLAND OK, FUOCHI D’ARTIFICIO A BIRMINGHAM – Nella 23° Giornata della Premier League, il Sunderland ha dato continuità al suo momento magico: la rete di Adam Johnson ha consentito ai Black Cats di battere lo Stoke City e di avvicinare in classifica i Potters. La squadra degli italiani ha lasciato la relegation zone e ha festeggiato nel migliore dei modi la recente qualificazione alla finale di Capital One Cup. Nell’ultimo match del turno infrasettimanale, Aston Villa e WBA hanno dato vita a uno show d’altri tempi: dopo i sei gol del primo tempo, il rigore di Benteke ha spostato la bilancia dalla parte dei padroni di casa. I Villans hanno vinto 4-3 e hanno consolidato il loro decimo posto, mentre gli ospiti sono rimasti fermi a quota 22; per partecipare alla prossima edizione della Premier League, Mulumbu e compagni dovranno lottare fino all’ultima giornata.

RISULTATI: Manchester United-Cardiff City 2-0; Norwich City-Newcastle 0-0; Southampton-Arsenal 2-2; Swansea-Fulham 2-0; Crystal Palace-Hull City 1-0; Liverpool-Everton 4-0;Tottenham-Manchester City 1-5; Chelsea-West Ham 0-0; Sunderland-Stoke City 1-0; Aston Villa-WBA 4-3.

CLASSIFICA: Manchester City 53; Arsenal 52; Chelsea 50; Liverpool 46; Tottenham 43; Everton 42; Manchester United 40; Newcastle 37; Southampton 32; Aston Villa 27; Swansea e Norwich 24; Hull e Crystal Palace 23; WBA e Stoke 22; Sunderland 21; West Ham e Fulham 19; Cardiff 18.

Daniel Degli Esposti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *