Fabio Pengo
No Comments

Tecnologia, missione incompiuta per la sonda Yutu

Tecnologia, missione incompiuta per la sonda Yutu
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

fullmoon-SPORTCAFE24La Cina continua il suo “antagonismo”, questa volta a livello tecnologico, verso gli Stati Uniti e gli stati europei. Questa volta il conflitto avviene nello spazio e precisamente sulla superfice della luna, il nostro satellite naturale. Oggetto delle fantasie umane sin dalla fine dalla fine dell’ 800, quell’  “ammasso di roccia” che ha ispirato anche molte canzoni, è stato studiato a distanza da allora e raggiunta dall’equipaggio dell’ Apollo 11 solo nel 1969. A ruota anche la Russia aveva fatto di tutto per non stare indietro con l’Occidente facendo volare intorno alla Terra il maggiore Jurij Gagarin aprendo le frontiere dello spazio non solo alla fantasia ma anche alla realtà.

Sono passati più di 40 anni e ormai intorno al nostro pianeta e sulla superficie lunare si sono avvicendati molte sonde e satelliti che hanno cercato di studiarla per poi passare ad esaminare gli altri pianeti del nostro sistema. La Cina invece continua a dedicarle attenzioni ed infatti sia nel 2010 che a metà dicembre dell’anno appena passato, l’agenzia spaziale cinese ha fatto decollare due satelliti in grado di analizzare la Luna una volta allunati. Il tempo di missione previsto dall’agenzia per la sonda Yutu era di 3 mesi ma qualche giorno fa la sonda, già sul suolo lunare, ha iniziato ad avere qualche problema ed è stato ordinato al modulo di analisi il rientro. La causa del problema è la bassa resistenza del materiale che doveva isolare i circuiti; l’alta escursione termica tra giorno e notte lunare ha danneggiato questo isolante rendendo dunque impossibile la missione.

Fabio Pengo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *