Antonio Casu
No Comments

Giuseppe Rossi non dovrà operarsi, si riaccende la speranza Mondiale

L'attaccante della Fiorentina seguirà nei prossimi due mesi una terapia conservativa

Giuseppe Rossi non dovrà operarsi, si riaccende la speranza Mondiale
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

“Sono moralmente sollevato dopo l’incontro con il professor Staedman. Adesso dovrò impegnarmi al massimo con la riabilitazione. Sempre al vostro fianco. Forza Viola. GR”. Il messaggio, postato su Facebook alle 23,45, è firmato da Giuseppe Rossi e riempie di gioia e speranza i tifosi di Fiorentina e Nazionale.

Pepito Rossi, tra i migliori del weekend

Giuseppe Rossi

SOLO TERAPIE CONSERVATIVE – L’attaccante azzurro non dovrà infatti operarsi al ginocchio destro, eventualità che avrebbe pregiudicato qualunque possibilità di vederlo a giugno in Brasile con la maglia dell’Italia. Come spiegato dal report medico della Viola, l’ultima visita effettuataha evidenziato una buona stabilità del ginocchio recentemente infortunato. L’atleta proseguirà le terapie conservative per il recupero neuro motorio per i prossimi 2 mesi. Prima della fase riabilitativa sul campo il giocatore sarà sottoposto a una visita di controllo”.

LA PAURA E LA SPERANZA – Rossi si era infortunato il 5 gennaio scorso nel corso della sfida della sua Fiorentina con il Livorno: Leandro Rinaudo, difensore granata, aveva commesso un grave fallo su Pepito, costretto subito ad abbandonare il campo. Il movimento innaturale del ginocchio, le lacrime dell’attaccante e l’uscita in barella avevano subito fatto pensare al peggio. Aveva già subito diversi gravi infortuni, la necessità di un ennesimo intervento chirurgico avrebbe messo a rischio la sua carriera. Partì pochi giorni per il Colorado per farsi visitare da Staedman, uno dei massimi esperti per quanto riguarda traumi del genere. I primi controlli gettarono Rossi nello sconforto, la sollecitazione del crociato avrebbe lasciato poche speranze. E invece no, il ginocchio sta reagendo bene alla terapia, la buona stabilità” del legamento  dà spazio a possibilità di un recupero entro fine stagione e, di conseguenza, ad una convocazione di Prandelli.

Il quadro clinico che si presenta ora è il migliore possibile in una situazione di questo tipo. Non saranno mesi facili, ma Rossi è un guerriero e farà di tutto per vincere l’ennesima battaglia. L’Italia tifa per lui.

Antonio Casu

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *