Debora Anzaldi
No Comments

Justin Bieber arrestato e subito rilasciato

Il cantante finisce in manette dopo una notte brava

Justin Bieber arrestato e subito rilasciato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
 Justin Bieber

Justin Bieber

L’ARRESTO – L’ultima bravata di Justin Bieber gli è costata qualche ora di carcere. Dopo aver trascorso la serata in un night club, alle quattro del mattino il cantante si è messo alla guida della sua Lamborghini scorrazzando a tutta velocità per le strade di Miami. In una zona dove il limite di velocità era di 45 km orari la star correva a 90 km. La polizia lo ha subito fermato e sentendo immediatamente l’odore dell’alcool, nonostante il cantante negasse di aver bevuto nella notte, lo ha sottoposto ad alcool test dove è risultato positivo. E’ stato così subito arrestato con tre capi d’imputazione: guida in stato di ebbrezza, guida con patente scaduta e resistenza all’arresto.

IL RILASCIO – Sembra che il successo abbia fatto montare un po’ troppo la testa al cantante canadese che nella foto segnaletica appare sorridente come se stesse facendo uno shoot fotografico per la copertina di qualche rivista per teenager. Il giudice ha fissato una cauzione di 2.500 dollari, una somma irrisoria visto i guadagni di 58 milioni di dollari dell’anno scorso, e Justin Bieber ha potuto lasciare immediatamente il carcere. Non appena è stato rilasciato è stato prelevato con un SUV dal suo entourage personale, ed ha salutato la folla di fan che si era riunita fuori ad attenderlo salendo addirittura sul tettuccio dell’auto.

LE CONSEGUENZE – Il cantante è fuori dalla sua cella ma la questione non finisce qui, i giudici della Florida dovranno pronunciarsi circa la condanna da imporre alla star che potrebbe anche rischiare sei mesi di detenzione. Vista la giovane età e non avendo avuto seri problemi con la giustizia, la sentenza sarà molto più clemente e non si esclude che possa andare in rehab per risolvere i suoi problemi.

Sarà Justin Bieber la nuova star a dar di matto per il 2014?

Debora Anzaldi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *