Davide Luciani
No Comments

Inter sotto assedio

Inter sotto assedio. Nella squadra regna la confusione più totale su ogni tipo di aspetto sia tecnico che dirigenziale.

Inter sotto assedio
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Walter Mazzarri insoddisfatto del mercato dell’Inter

Inter sotto assedio. L’attacco di Marotta, ieri in conferenza stampa, che ha definito “incresciosa” la situazione creatasi con il caso Vucinic-Guarin e ha accusato i nerazzurri di “mancanza di serietà”, è solo  la punta dell’iceberg. Nell’Inter regna la confusione più totale su ogni tipo di aspetto sia tecnico che dirigenziale.

BRANCA E FASSONE ESAUTORATI – Di fatto la mancata chiusura dell’accordo mette fine all’esperienza di  Marco Branca e Marco Fassone come responsabili del mercato nerazzurro. Se è vero, infatti, che l’accordo tra Inter e Juventus era nato proprio sul loro imprimatur è chiaro che con il rinnegamento di tale accordo, la fiducia nelle capacità dei due dirigenti è di fatto venuta meno. Ora l’Inter si trova negli ultimi giorni di mercato con i suoi due rappresentanti, che, di fatto, hanno visto venire meno la fiducia nel proprio operato da parte della società. Non certo il modo migliore per operare in tranquillità.

CAOS TECNICO – L’Inter in questo mercato, sta dimostrando di mancare totalmente di un progetto tattico e tecnico. Le strategie di mercato non esistono. Si è parlato per quasi tutto il mercato di un attaccante o di un’ala offensiva e ora si punta su Hernanes, un trequartista. Guarìn, l’unico centrocampista di qualità e personalità è ormai un separato in casa, dopo che l’Inter ha provato a venderlo a chiunque.  D’Ambrosio, quasi preso, si è complicato per mancanza di contanti, mentre, giocatori dati in partenza da mesi, come Belfodil, continuano a svernare alla Pinetina in attesa di una destinazione che non arriva. L’ultimo nome per il mercato nerazzurro è Bafetimbi Gomis, attaccante del Lione, non certo il giocatore in grado di dare alla squadra nerazzurra la scossa per risalire in classifica.

THOHIR IN AZIONE – Per dare una scossa alla squadra, occorre che Thohir acceleri la ristrutturazione dirigenziale. Il primo nome nuovo, dovrebbe essere quello di Michael Williamson, futuro nuovo responsabile  finanziario dell’Inter e l’uomo di fiducia di Thohir in società. Williamson dovrebbe insediarsi ai primi di febbraio e lavorare, almeno. Successivamente, dovrebbe arrivare un altro manager in grado di tenere i rapporti tra dirigenza e squadra e di assumersi la responsabilità di prendere decisioni immediate. L’Inter, quindi, da qui a giugno cambierà volto, per un nuovo corso dal prossimo anno.

MAZZARRI ASPETTA – Prima, però, c’è un campionato da finire e un obiettivo minimo da centrare: il ritorno in Europa, anche quella minore.  Per raggiungerlo, però, Mazzarri necessita di rinforzi, rinforzi che, come detto, tardano ad arrivare. Il tecnico livornese è sempre più insofferente e, nonostante le assicurazioni piovute da più parti, non è escluso che, a fine anno, le strade del tecnico toscano e dell’Inter si dividano. L’ex allenatore del Napoli ha chiesto più volte rinforzi, invocando anche l’intervento diretto di Thohir, ma nulla si è mosso. Se da qui al 31 gennaio la situazione dovesse rimanere immutata, allora gli ultimi mesi di campionato dell’Inter, potrebbero rivelarsi un vero calvario. All’Inter, si sa, la normalità non piace, ma, quest’anno, i tifosi nerazzurri rischiano di fare indigestione di stranezze.

Davide Luciani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *