Dario Greco
No Comments

Serie B: venerdì si riparte, dove eravamo rimasti?

Dopo quasi un mese di sosta, ritorna la Serie B con Palermo in pole e scatenato sul mercato

Serie B: venerdì si riparte, dove eravamo rimasti?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La sospensione del campionato cadetto, dopo i turni “extra” durante le festività natalizie, ha permesso alle ventidue squadre di riposare e di concentrarsi prevalentemente sul mercato. Venerdì, però, la Serie B torna in campo con l’anticipo Trapani-Padova, le restanti gare si giocheranno sabato pomeriggio, mentre Crotone-Siena chiuderà il primo turno dell’anno e del girone di ritorno. E allora, dove eravamo rimasti e come le mosse di mercato influiranno sul prosieguo del torneo?

Tavano-Maccarone: una coppia da venti gol

Tavano-Maccarone: una coppia da venti gol

PRIMA FILA – Dopo le qualifiche del girone d’andata, Palermo ed Empoli attendono il semaforo verde piazzati comodi in prima fila. In pole position c’è la squadra di Iachini, il quale dal suo arrivo ha portato i siciliani in testa alla classifica e il presidente Zamparini, con il braccio destro Perinetti, gli ha regalato Vitiello in difesa, l’esperienza di Enzo Maresca in mediana e tra poche ore potrebbe essere ufficializzato il giovane esterno marocchino Lazaar dal Varese. Quindi, un Palermo a dir poco scatenato che punta, ancor di più, alla promozione diretta. I toscani, dal canto loro, vogliono quantomeno rimanere sulla scia dei rosanero; intanto, hanno preso in prestito il centrocampista Mirko Eramo dalla Sampdoria e seguono due attaccanti di A, come Missiroli del Sassuolo e Brienza dell’Atalanta, da affiancare alla coppia-gol di Sarri, Maccarone-Tavano capace di segnare ben venti gol. Entrambe, dunque, sono pronte per sprintare subito, mentre dietro ci sarà grande bagarre per i sei posti disponibili nei playoff.

BAGARRE PLAYOFF – Da questa stagione è stata allargata la zona che riguarda l’accesso ai playoff, con sei squadre anziché quattro, ovvero dalla terza all’ottava classificata. Al momento, l’Avellino di Rastelli, sorpresa dietro le grandi (37 punti), vuole confermarsi dopo un girone d’andata pazzesco e si è rinforzato con l’acquisto dell’attaccante Ciano; un punto dietro ai biancoverdi, il Pescara che vuole riprendere la scalata interrotta prima della sosta ed è vicinissimo all’esterno della Ternana Andrea Rispoli. La favola Lanciano, invece, è durata due mesi; ora ristabilite le gerarchie, la squadra di Baroni vuole giocarsela fino in fondo, nonostante la partenza di Fofana, rimpiazzato dalla punta Ragatzu. Il Crotone dopo il pessimo finale di anno, ha irrobustito la difesa con Konè dal Parma ed ha chiuso anche per il giovane esterno della Roma, Federico Ricci; il  Cesena è sempre presente in zona playoff e sta cercando di piazzare due colpi dalla Serie A, puntando Sampirisi dal Genoa e Belingheri dal Livorno. In ottava posizione, a pari merito a 30 punti Brescia, Trapani, Latina, Carpi (Ardemagni) e Spezia (Bianchetti e Schiattarella), le quali tenteranno di inserirsi nella parte alta della graduatoria. Alle loro spalle, Varese e Siena (Plasmati in arrivo) che al momento si trovano nel limbo tra la parte alta e la parte bassa della classifica, ma che devono essere considerate delle outsider importanti in vista del girone di ritorno.

ZONA CALDA – Nel reparto inferiore, invece, Bari, Modena e Ternana sono appena fuori dai playout; oggi, lo spareggio per rimanere in cadetteria si giocherebbe tra Cittadella e Novara, mentre scenderebbero nella Lega Pro Unica: Padova, Reggina e Juve Stabia. La società amaranto ha esonerato a inizio gennaio il tecnico Atzori ed ha optato per una soluzione interna, con la panchina affidata a Diego Zanin che sarà affiancato da Francesco Gagliardi.

CLASSIFICA: Palermo 40; Empoli 39; Avellino 37; Pescara 34; Lanciano 33; Crotone 32; Cesena 31;Brescia, Trapani, Latina, Carpi e Spezia 30; Siena 29, Varese 28; Bari 23; Modena e Ternana 22;Cittadella e Novara 21; Padova 18; Reggina 14; Juve Stabia 9.

Dario Greco

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *