Giuseppe Andriani
No Comments

Roma di Coppa: eliminata la Juventus, all’Olimpico decide Gervinho

I giallorossi vincono e convincono: ma Conte ha qualcosa da recriminare e recriminarsi

Roma di Coppa: eliminata la Juventus, all’Olimpico decide Gervinho
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Francesco Totti,capitano Roma

Totti, capitano della Roma

La Roma esalta l’Olimpico e batte la Juventus nei quarti di finale di Coppa Italia. I giallorossi vincono 1-0 con gol di Gervinho nel finale ed eliminano i bianconeri. Questa la sintesi del match:

PRIMO TEMPO – Parte subito bene la Roma, in un avvio di gara molto denso e combattuto, ma senza particolari occasioni degne di nota. Al 7′ il primo tentativo vero da parte dei giallorossi, con Nainggolan che va al tiro dal limite ma la palla finisce a lato. Il copione è questo, la Juve arranca e la Roma ne approfitta, complice lo spazio colpevolmente lasciato ai giallorossi sulla trequarti offensiva. Qualche minuto ancora e va di nuovo al tiro dalla medesima posizione, ma la conclusione, in questo caso di Florenzi, finisce ancora fuori. Al 13′ una potenziale occasione di svolta: Giovinco va via da solo e viene atterrato, con una spinta, da Benatia. L’arbitro ci pensa e ammonisce il calciatore giallorosso, tra le proteste degli ospiti che avrebbero voluto il cartellino rosso per chiara occasione da gol (o fallo da ultimo uomo, se preferite). Sul calcio di punizione Pirlo mette direttamente sulla barriera. La Roma risponde qualche minuto più tardi con una bellissima azione in velocità che porta al tiro Totti, dopo una bella giocata di De Rossi. Il tiro del capitano giallorosso si perde tra le gambe dei calciatori bianconeri in area. Nel finale di tempo ancora Totti al tiro e anche questa volta la palla viene respinta prima che finisca in porta. Senza minuti di recuperi il primo tempo si chiude a reti bianche.

 

SECONDO TEMPO – In avvio di ripresa subito un gol annullato alla Juventus. Peluso di testa infila la difesa giallorossa su un cross dalla destra, ma il signor Tagliavento giudica la traiettoria del cross fuori dal terreno regolamentare e annulla. Da rivedere, ma l’impressione è che la decisione possa essere giusta. Poi sale la Roma, che fa possesso e arriva al tiro con Gervinho che da pochi passi controlla male. La Roma controlla il match nella parte centrale del secondo tempo senza particolari problemi, ma anche senza creare difficoltà importanti agli ospiti. Peluso al 62′ spende un giallo per fermare Gervinho in ripartenza. La Juve si rivede in attacco con un lancio lunghissimo che porta Peluso a saltare su De Sanctis ma la palla si perde sul fondo. Botta e risposta intorno al 70′: la Roma al tiro con Totti, ma la palla per la terza volta consecutiva viene ancora intercettata da un difensore. La Juve risponde con un’azione bellissima di Isla, che fa tutto bene (30 metri palla al piede) ma poi calcia malissimo. Garcia inserisce Pjanic per Florenzi, e Conte dall’altra parte si gioca la carta Llorente (entrato al posto di Giovinco). Al 78′ la svolta del match: bellissima azione in velocità della Roma sull’asse Pjanic – Strootman, Gervinho raccoglie un cross dalla sinistra e, di tacco, batte Storari. 1-0. Conte a questo punto fa entrare Tevez, e tira fuori Peluso. Gli ultimi 10 minuti vedono la Juve provarci, ma la Roma regge bene il campo. Le uniche occasioni a tinte bianconere sono di Marchisio e Vidal che dal limite tirano però alto. Dopo 4 minuti di recupero e un po’ di polemiche per una rimessa laterale invertita finisce 1-0.

 

NOTE – Olimpico tutto esaurito e record di incassi. Grande attesa in città per un vero e proprio big match, seppur giocatosi in Coppa Italia. La Juventus dopo 35 partite ufficiali non va a segno, l’ultima volta fu proprio a Roma (1-0 in Serie A 2012-2013). I giallorossi proseguono la bella tradizione in Coppa Italia (17 vittorie sulle ultime 19 partite all’Olimpico in Coppa) e interrompono una striscia di vittorie consecutive della Juventus che tra campionato e coppa era arrivata a 13.

Giuseppe Andriani

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *