Enrico Cunego

Liga BBVA, passo falso per Atletico e Barça, il Real accorcia

Liga BBVA, passo falso per Atletico e Barça, il Real accorcia
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Ottimo pari per il Levante di Caparros

Ottimo pari per il Levante di Caparros

E’ una Liga davvero avvincente quella che ci regala la ventesima giornata, con il ritorno del Real Madrid nella corsa al titolo. Grazie ai pareggi di Barcellona ed Atletico Madrid i blancos si ritrovano ad un solo punto dalle rivali, preannunciando 6 mesi di puro spettacolo e lotta continua. Nella lotta per il preliminare di Champions League proseguono a gonfie vele Bilbao e Villareal, mentre la Sociedad si ferma sul campo del Getafe e perde punti nei confronti delle rivali. In zona retrocessione, oltre al derelitto Betis schiantato in casa dal Real, anche Rayo Vallecano e Valladolid cominciano a staccarsi dal gruppone delle pericolanti. Ma andiamo a vedere cosa è successo in questo fine settimana.

MALAGA-VALENCIA 0-0

Pareggio a reti bianche nella sfida tra le due delusioni della stagione, che inauguravano nella serata di venerdì il girone di ritorno. Poche occasioni da gol ed un episodio dubbio: un gol di Jonas annullato nel primo tempo per un dubbio fuorigioco, le immagini sembrano dare ragione ai giocatori ospiti, che protestano veemente per l’annullamento. Con questo pari il Malaga sale a 21 punti mentre il Valencia avanza a 24: entrambe le squadre rimangono nella mediocrità della metà classifica, troppo lontane dalla zona Europa

BETIS SIVIGLIA-REAL MADRID 0-5 (10′ Cristiano Ronaldo, 26′ Bale, 45′ Benzema, 62′ Di Maria, 90′ Morata)

Ciclone Real sul derelitto Betis, ormai sempre più condannato alla Segunda Division visto l’ultima posizione con soli 11 punti. Al termine della gara arriva l’esonero di Garrido, sostituito dall’argentino Gabriel Calderon. E’ il terzo avvicendamento sulla panchina dei disperati andalusi. Reduce dalla fresca conquista del Pallone d’oro, Cristiano Ronaldo apre la gara con un fantastico tiro dai 25 metri che finisce la sua corsa all’incrocio dei pali alla sinistra di un povero Andersen, che 16 minuti sarà costretto ancora una volta a rimanere impassibile di fronte alla magistrale punizione di Bale, insaccatasi anch’essa all’incrocio. Dominio totale del Real che chiude la prima parte di gara col terzo gol firmato Benzema. Nella ripresa al 62′ l’argentino Di Maria punisce per la quarta volta il portiere danese con un missile da fuoria rea, mentre al 90′ il neo-entrato Morata, dato in partenza, corregge in rete un tentativo di rovesciata di Ronaldo. Real che con questa vittoria è riuscita a mettere pressione a Barça ed Atletico, che ilgiorno dopo hanno, come detto, toppato i propri impegni. Ora gli uomini di Ancelotti ci credono.

ELCHE-RAYO VALLECANO 2-0 (19′ Edu Albacar, 79′ Javi Marquez)

Nella delicata sfida salvezza del Martinez Valero l’Elche non sbaglia e punisce tra le mura amiche un sempre più preoccupante Rayo Vallecano. Un gol per tempo per i bianco-verdi, assoluti dominatori dell’incontro. Vantaggio al 19′ grazie ad un rigore trasformato da Edu Albacar, raddoppio al 79′ con Javi Marquez, bravissimo a concludere da fuori area col sinistro. Elche che vola a 21 punti, 5 in più del povero Rayo, penultimo in classifica.

GRANADA-OSASUNA 0-0

E’ un pari che accontenta tutti quello del “Nuevo Los Carmenes”. Poche occasioni da gol da entrambe le parti, la squadra di Alcaraz sale a 24 punti in classifica, quella navarra allunga a 5 la striscia di risultati utili consecutivi ed ora con 22 punti è a +6 sulla zona retrocessione.

ESPANYOL-CELTA VIGO 1-0 (88′ Sergio Garcia)

Dopo l’incredibile ottavo di finale di Coppa del Re contro l’Alcorcon, che ha visto l’Espanyol passare da spacciato a qualificato con due gol in due minuti, arriva un altro successo in extremis contro il Celta Vigo, la conclusione di Sergio Garcia negli ultimi minuti di gara porta i catalani a 25 punti in una tranquillissima ottava posizione, mentre i galiziani allenati da Luis Enrique  rimangono a 19 punti ma sempre a più 3 sulla coppia Valladolid-Vallecano.

GETAFE-REAL SOCIEDAD 2-2 (28′ Marica, 52′ Pedro Leon; 4′ Agirretxe, 16′ Agirretxe)

Nel match di mezzogiorno della domenica la Real perde una grandissima occasione per riavvicinarsi al quarto posto facendosi rimontare 2 reti. Non basta la grande giornata di Agirretxe, a segno con 2 colpi di testa, il Getafe riesce a rimontare grazie ad un fortunoso gol del romeno Marica ed a una bella azione di Pedro Leon ad inizio ripresa. Come detto, pareggio dannoso per i baschi che rimangono al sesto posto con 33 punti, mentre i madrileni fermano una striscia di 5 sconfitte consecutive salendo a 24 punti, in piena metà classifica.

VILLAREAL-ALMERIA 2-0 (3′ Uche, 87′ Bruno)

Il Villareal si consola dall’eliminazione in Coppa del Re (per mano della Sociedad, battuta solo una settima prima per 5-1), sconfiggendo nettamente gli andalusi. 2 gol per tempo: al 3′ Uche apre la gara con una conclusione ravvicinata sua azione di calcio d’angolo, mentre all’87’ Bruno su calcio di rigore chiude i conti contro un Almeria che rimane a 19 punti, più 3 sulla zona rossa, mentre il Villareal con 37 punti resta a -2 dall’Atletic Bilbao, quarto in graduatoria.

LEVANTE-BARCELLONA 1-1 (10′ Vyntra; 19′ Piquè)

All’andata fu goleada, con il Barcellona che aprì il ciclo Martino con un roboante 7-0, il ritorno è stato tutto tranne che una passeggiata. Grande soddisfazione per Joaquin Caparros, che è riuscito ad ingabbiare un Barça privo di Neymar e messo spesso in difficoltà dai rosso-blu di Valencia, capaci di andare in vantaggio con il greco Vyntra al 10′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo. 9 minuti dopo, sempre su calcio d’angolo arriva il colpo di testa di Piquè che pareggia i conti. A questo punto i blaugrana accelerano, ma Keylor Navas, portiere del Costa Rica avversario dell’Italia ai Mondiali, mette la saracinesca e chiude ai tentativi avversar. Clamoroso flop per i catalani, il Levante sale a 24 punti.

ATLETICO MADRID-SIVIGLIA (18′ David Villa; 73′ Rakitic)

Aveva un occasione colossale da sfruttare assolutamente, ma incredibilmente l’Atletico di Simeone l’ha gettata al vento. Solo pari al Calderon contro un ottimo Siviglia, che riesce ad ingabbiare Diego Costa e che reagisce molto bene al vantaggio di Villa, giunto al 18′ su azione di calcio d’angolo. Pari che giunge al 73′ grazie a Rakitic, che trasforma un calcio di rigore letale. Nel finale viene espulso il promettente Alberto Romeno, ma è tutto inutile, l’Atletico si vede avvicinare ad una sola lunghezza i cugini del Real e rimane agganciato al Barcellona, mentre il Siviglia rimane al settimo posto con 31 punti, a ridosso della zona Europa League.

ATLETIC BILBAO-VALLADOLID 4-2 (65′ Ibai, 75′ De Marcos, 82′ Ibai, 86′ Herrera; 15′ Oscar, 90′ Rama)

Nel posticipo del lunedì l’Atletic subisce il vantaggio del Valladolid al 15′ con Oscar, per poi scatenarsi nella ripresa. Dopo aver subito un gol che gela il “Nuevo San Mames”, nella ripresa gli uomini di Valverde si scatenano con 4 reti in 20 minuti, annichilendo i bianco-viola che subiscono la veemenza del ciclone basco. Nel finale di gara Rama segna un eurogol scartando 4 avversari, ma la rete è tanto bella quanto è inutile. Bianco-rossi che conservano il quarto posto che significa Champions League, mentre la squadra castigliana rimane impelagata nelle zone rosse della classifica con 16 punti.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *