Luca Porfido
No Comments

Cellino a 360°: sfogo di un presidente che non risparmia nessuno

Sfogo del Presidente del Cagliari Cellino: Dalla vicenda Nainggolan al futuro blaugrana Ibarbo, passando per lo stadio e il nuovo acquisto Leeds United

Cellino a 360°: sfogo di un presidente che non risparmia nessuno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Che Cellino fosse un presidente diverso dagli altri lo sapevamo già, non solo per il suo stile alla “bohemienne”. Forse i più anziani lo ricorderanno per il famoso documento che avrebbe dovuto o far morire il calcio oppure rivoluzionarlo da capo a piedi (che non è però mai uscito fuori), oppure i più giovani se lo figurano  per l’arresto in seguito alla vicenda dell’ Is Arenas.
Fatto sta che Cellino mai una volta ha tradito il suo modo di fare e, a riprova di questo, per chi lo avesse accantonato in un angolo buio della propria memoria, ha deciso di ritornare in auge, quasi a dimostrare che lui nel calcio c’è e che, quando vuole, può ancora manovrare i fili da marionettista, specialmente in periodo di calciomercato.

QUESTIONE STADIO – La sua intervista all’Unione Sarda sembra avere più i contorni di uno sfogo, e questo si avverte quando l’argomento tocca la vicenda dello stadio: “Ho speso 9 milioni per niente. Zedda (sindaco di Cagliari ndr) vuole un impianto galattico ma non ho i soldi. Siamo ancora a 5 mila spettatori, la Figc ci rimanderà a Trieste e io non voglio essere qui ad assistere”.

Il continuo del discorso potrebbe, però, far storcere un po’ il naso ai tifosi del Cagliari, perché dopo quel “non ho i soldi” lo stesso Cellino ha ammesso di essersi recato a Londra per provare ad acquistare il club inglese Leeds United (tempo fa gli andò male con il West Ham).
A Londra però anche per fare shopping: “L’altro giorno ero a Londra, volevo acquistare un portiere. Ho parlato con Julio Cesar, che non sta giocando col QPR e vuole andare ai Mondiali. Mi ha detto che conosce la squadra, che se la maglia avesse avuto altri colori, non dico Milan o Inter, ma anche Fiorentina sarebbe venuto. Ma qui non vuole venire?

Cellino si sfoga all'Unione Sarda

L’AVARO CELLINO – Ritornando alla frase “non ho soldi”  si potrebbe ri-storcere il naso: “ Radja lo volevano PSG e Manchester City, ma l’ho ceduto alla Roma. Lui non voleva andarsene, l’ho costretto. Un anno fa lo Zenit di Spalletti aveva offerto 25 milioni e la Juve, il 30 agosto è arrivata ad offrirne 20. E Radja, il giorno dopo, è venuto in sede e ha allungato il contratto. Ma non poteva restare qui. Come poteva crescere in uno stadio con quattro gatti e una squadra senza ambizioni? La Juve voleva prenderlo e lasciarlo fino a fine stagione. Ma non aveva senso. L’ho regalato alla Roma, un prestito da 3 milioni. Lì crescerà con campioni come Totti e De Rossi, un bravo allenatore e un ambiente che già lo ama. Se avessi intascato 20 milioni, che ci avrei fatto? (forse lo stadio? ) E se domani dovessero chiedermi Astori o altri, li lascio andare. Non posso difendere i miei ragazzi e allora li regalo tutti”.

In questa tempestosa Divina Commedia Celliniana, l’unico al sicuro è, forse,  Lopez (anche se i sardi sono a solo 4 punti dalla zona retrocessione): “Questa squadra è una famiglia. Io per loro sono come un papà e Lopez senza di me non può crescere”.
In chiusura poi la ciliegina sulla torta: “Adryan? E’ un fenomeno, come Matri, Suazo e Ibarbo, che l’anno prossimo giocherà nel Barcellona“.

Luca Porfido

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *