Daniel Degli Esposti

Serie A Beko: Milano aggancia la vetta

Serie A Beko: Milano aggancia la vetta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella prima giornata del girone di ritorno, l’Emporio Armani Milano ha travolto l’ENEL Brindisi e ha raggiunto la vetta della classifica della Serie A Beko. L’89-65 della sirena finale ha mostrato con spietata chiarezza la superiorità dell’Olimpia: nel primo quarto, i ragazzi di Coach Banchi hanno schiantato i pugliesi con un mostruoso 32-13.

La produttività offensiva e la forza difensiva delle Scarpette Rosse hanno spento le velleità di rimonta della ENEL e hanno provocato un nuovo scossone ai vertici della Serie A Beko: insieme a Roma – che ha battuto 88-70 la Sutor Montegranaro – Milano ha raggiunto Brindisi e Cantù in testa alla classifica. L’Acqua Vitasnella non ha approfittato della caduta di Dyson e compagni: la banda di Pino Sacripanti ha lasciato strada alla Giorgio Tesi Group Pistoia dopo un match tirato; solo l’overtime ha dato ragione ai toscani e ha frustrato le ambizioni di “fuga” dei brianzoli. Se Cantù piange, Siena non ride: i Campioni d’Italia sono caduti a Cremona e hanno perso un’ottima occasione di agganciare il gruppo di testa. La sconfitta in terra lombarda ha costretto i bianco-verdi a condividere la quinta piazza con Sassari: il Banco di Sardegna non ha risolto i suoi problemi difensivi, ma ha recuperato la brillantezza nel tiro da tre punti e la fluidità offensiva. Il 90-87 con cui Drake Diener e compagni hanno superato la Granarolo Bologna ha dato chiare indicazioni a Coach Sacchetti: la sua squadra non può prescindere dal fuoco dei suoi bombardieri.

Negli altri match di giornata, Venezia ha ritrovato un grande Donell Taylor e ha battuto Caserta, Pesaro ha posto fine alla sua striscia negativa sconfiggendo nuovamente Avellino – quattro punti dei sei totali dei marchigiani arrivano dai match contro gli irpini – mentre la Grissin Bon Reggio Emilia ha concesso a Varese di violare l’inespugnabile PalaBigi.

Daniele Degli Esposti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *