Simone Viscardi
No Comments

Liguria, torna la paura: massimo grado di allarme frane e allagamenti

Allerta esondazioni a Imperia e La Spezia, medio pericolo su Genova. Nel weekend maltempo su tutta la penisola

Liguria, torna la paura: massimo grado di allarme frane e allagamenti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La protezione civile della Liguria ha stabilito 48 ore di allerta meteo su tutto il territorio regionale. Rischio massimo sulle province di Imperia e La Spezia, le quali sono state classificate “Allerta 2”, il grado più alto. Le piogge che imperverseranno su tutta Italia nei prossimi giorni saranno di una portata tale da poter causare frane ed esondazioni. I fiumi e i torrenti maggiormente interessati sono già sotto stretta osservazione, mentre sono già state chiuse anticipatamente le scuole. Al pericolo dovuto alle piogge si sommano venti costantemente sui 70/80 km/h e mari molto agitati. Allerta media sul genovese, il capoluogo sarà solo marginalmente interessato dai temporali. L’allerta meteo scatterà dalle 18 di giovedì fino alla mezzanotte di sabato. “Si raccomanda la massima attenzione, soprattutto nelle aree a rischio esondazione e in quelle a rischio frana”, questo il comunicato della protezione civile, che rimarrà ovviamente in sala operativa per tutta la durata del pericolo. Nel frattempo, in via precauzionale, 50 persone residenti in val Sturla sono già state fatte evacuare dalle proprie case.

Col maltempo in Liguria previsti mari mossi e raffiche di vento fino a 80 km/h.

Col maltempo in Liguria previsti mari mossi e raffiche di vento fino a 80 km/h.

IL WEEKEND – Allerta anche in Veneto, dove il Centro Funzionale Decentrato della Protezione civile ha già dichiarato lo stato di rischio idrogeologico in quasi tutte le province. Il maltempo non lascerà scampo anche al resto del paese dove, a parte qualche schiarita nel meridione, le piogge la faranno da padrone per tutto il finesettimana. Lombardia, Toscana e arco alpino – dove si prevedono abbondanti nevicate – saranno le zone più colpite già dal sabato, mentre il sud vedrà un netto peggioramento delle condizioni nella giornata di domenica e nei primi giorni della prossima settimana.
Nonostante il pessimo tempo, le temperature rimarranno costantemente sopra la media del periodo con picchi di 20° su Sicilia, puglia e medio Adriatico. In generale, e in particolar modo al sud, le minime si assesteranno sui 10°. Effetto dovuto ai venti caldi del meridione, che già da settimane stanno mitigando un inverno ancora non del tutto sbocciato.

Simone Viscardi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *