Daniel Degli Esposti
2 Comments

FIFPro World XI senza la Premier League: genesi di un paradosso

Il FIFA/FIFPro World XI non comprende nessun giocatore della Premier League. Una scelta giusta?

FIFPro World XI senza la Premier League: genesi di un paradosso
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Il FIFA FIFPro World XI 2013 al Galà di Zurigo.

Il FIFA FIFPro World XI 2013 al Galà di Zurigo.

Il FIFA/FIFPro World XI non vede nessun rappresentante della Premier League. Perché il campionato più bello del mondo non ha protagonisti nella Top 11?

Per il secondo anno consecutivo, il FIFA/FIFPro World XI – la squadra ideale dell’anno solare, stabilita in base ai voti dei giocatori di 42 federazioni di tutto il mondo – non ha dato nessuna maglia ai giocatori della Premier League. Dopo che la Liga aveva monopolizzato l’edizione del 2012, il 2013 ha visto ricomparire il Bayern dei cinque titoli e il PSG delle stelle: i Campioni di tutto e i detentori della Ligue 1 hanno affiancato i grandi del Barcellona e del Real Madrid, che hanno collezionato un’incredibile striscia di presenze consecutive.

FIFA/FIFPRO WORLD XI. Neuer; Lahm, Sergio Ramos, Thiago Silva, Dani Alves; Xavi, Iniesta, Ribéry; Messi, Ibrahimovic, Cristiano Ronaldo.

NO PREMIER… Gli ultimi due rappresentanti della Premier League nel FIFA/FIFPro World XI sono stati Nemanja Vidic e Wayne Rooney. Correva la stagione 2010-2011, un anno sportivo che i tifosi dei derelitti Red Devils di oggi definirebbero di straordinaria grazia: semifinale di FA Cup, terza finale di Champions di un quadriennio d’oro, titolo della Premier League. Da quel momento, nessun altro giocatore del massimo campionato inglese ha più indossato la “casacca” del FIFA/FIFPro World XI: Arsenal e Manchester City sono sempre rimaste a secco; neppure il Chelsea Campione d’Europa 2011-2012 e vincitore dell’Europa League 2012-2013 ha mandato un suo rappresentante nel Golden Team! Se ci si limitasse a osservare la squadra ideale del Ballon d’Or, si direbbe che la Premier stia attraversando un momento drammatico e sia paragonabile all’ormai mesta Serie A italiana; invece…

… SO PARTY! Al di là della Manica, si gioca il campionato più bello, avvincente e divertente del mondo. Stadi pieni e accoglienti, giocatori talentuosi, ritmo altissimo, attenzione mediatica, modernità e tradizione: il cocktail della Premier League è un piacere per tutti coloro che amano il calcio veroAnche se la globalizzazione del business ha portato molti club ad aprire agli investitori stranieri, la cultura e la storia delle loro organizzazioni è rimasta viva nella passione della gente e nella bellezza del football. I voti del FIFA/FIFPro World XI non hanno riconosciuto i meriti delle stelle del calcio inglese, ma il talento che si concentra nelle venti squadre della Premier ha ben poco da invidiare ai fenomeni calcistici e mediatici di Real Madrid, Barcellona, Bayern e PSG.

Il Chelsea in festa dopo la vittoria in Europa League

Il Chelsea in festa dopo la vittoria in Europa League.

UN PREMIO PER LE COPERTINE. Queste considerazioni non discutono il valore assoluto dei giocatori che formano la FIFA/FIFPro World XI 2013: tutti gli undici selezionati fanno parte della crème del calcio mondiale e meritano pienamente ogni riconoscimento del massimo organo del pallone. La straordinaria continuità di rendimento delle stelle del Barça, la forza assoluta di Ronaldo e del suo Real Madrid e il fascino del clàsico influiscono sul giudizio dei calciatori-elettori, che si lasciano ammaliare dal talento e dal carisma dei grandi di Spagna e tendono a trascurare i loro colleghi meno pubblicizzati. Nell’era post-France Football, i FIFA/FIFPro World XI e il Ballon d’Or hanno perso il loro spirito originario e hanno ammiccato sempre più piacevolmente al business e al marketing sportivo: sembra sempre più evidente che i grandi personaggi, anche nelle loro stagioni meno convincenti, non potranno più perdere il loro posto nell’élite patinata del pallone. Omaggio alla fama imperitura o noblesse oblige? Reverenza per la grandezza o sudditanza psicologica? Ai campi d’Europa l’ardua sentenza. La meraviglia del calcio è proprio questa: i trofei che contano non dipendono dai voti delle giurie.

PER GIOCARE UN PO’… UK WORLD 11! 

Cech; Terry, Cahill, Kompany; Oezil, Yaya Touré, Lampard, Ramsey; Suarez, Aguero, Van Persie.

Daniel Degli Esposti

Share Button

2 Responses to FIFPro World XI senza la Premier League: genesi di un paradosso

  1. simone2009 18 gennaio 2014 at 12:51

    Bellissimo incontro su Fox Sports domani pomeriggio: Chelsea-Manchester United .Si sfidano Mourinho e Moyes con i Red Devils in un momento di difficoltà.Si riscatteranno?

    Rispondi
  2. Mario 19 gennaio 2014 at 17:32

    Per ora non molto ma la partita è lunga!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *