Antonio Casu
No Comments

L’allegro Allegri e le lezioni di Puncheon

Un allenatore che esce da un incubo e un calciatore burlone sono i protagonisti dell'episodio odierno de "Gli sfigati del lunedì"

L’allegro Allegri e le lezioni di Puncheon
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Inizio di settimana caldissimo per “Gli sfigati del lunedì”! Allenatori esonerati ma sorridenti, calciatori disastrosi dal dischetto, portieri in crisi d’identità, squadre e gol fantozziani, ma alla fine solo in due l’hanno spuntata: Massimiliano Allegri e Jason Puncheon. L’ex allenatore del Milan, il tecnico più precario della storia del calcio, è finalmente uscito dall’incubo che l’ha attanagliato per anni, mentre l’attaccante del Crystal Palace ha avviato il suo corso per rigoristi. L’hanno combinata davvero grossa, impossibile non premiarli! Ma andiamo con ordine!

Tranquillo Max, è tutto finito!

Tranquillo Max, è tutto finito!

UN’USCITA DI SCENA TRIONFALE – È finita, è finita! No, non è la chiusura della telecronaca di una finale di Champions League o Mondiali, ma il punto conclusivo sull’incubo di un uomo e di un allenatore! Massimiliano Allegri non è più il tecnico del Milan… E lui tira un sospiro di sollievo! Non ne poteva più, è orgoglioso e non voleva proprio dimettersi, le ha provate davvero tutte per farsi mandare via, e alla fine, dopo lunghi anni di sofferenze, c’è riuscito! Esce di scena trionfalmente dopo una meravigliosa prestazione della sua creatura, presa a bastonate dal Sassuolo, suggellando così la fine di un matrimonio… Turbolento!

ALLEGRI CHI? – La verità è che lui non è mai stato realmente l’allenatore del Milan, non ha mai avuto fiducia da parte della società, l’unico a credere davvero in lui è stato il povero Galliani, bistrattato a sua volta a più riprese dalla bella Barbara. Gli chiedevano di vincere, di tenere alto l’onore del Milan, e per farlo gli hanno messo in mano Abbiati, Zapata e Montolivo! È un tecnico, mica un santo in grado di fare i miracoli, non si deve esagerare con i sogni impossibili! Non funziona niente e nessuno in casa rossonera, ma, nonostante ciò, l’unico a pagare è stato l’obiettivo più semplice da impallinare, il povero Conte Max, che di colpe, in realtà, ne ha meno di tanti altri. Tanti auguri Allegri, finalmente allegro e sereno senza un lavoro, e tanti auguri al Milan, che deciderà di ripartire da Seedorf, uno che non è neanche un allenatore. Che strategia strana!

Mah…

Attaccante 27enne inglese offre ripetizioni sul mondo dei calci di rigore

Attaccante inglese 27enne offre ripetizioni su come tirare i calci di rigore

A LEZIONE DA JASON – Dalla fatal Sassuolo alla fredda Londra, la sfiga vola ovunque in un attimo. In questo weekend è andato in scena il derby tra Tottenham e Crystal Palace: chi non l’ha guardata ha fatto un grosso errore! L’Inghilterra, si sa, è patria del calcio, impossibile trovare un posto migliore in cui prendere lezioni e imparare qualcosa di nuovo su questo sport. Gli insegnanti a disposizione sono tanti, uno di questi è Jason Puncheon, attaccante 27enne del Palace e, da qualche tempo, maestro di calci di rigore.

LEZIONE NUMERO UNO – Qualche giorno fa aveva preso di mira un calciatore del Norwich, Bradley Johnson, reo di aver tirato male un penalty. Puncheon, generosamente, gli aveva offerto aiuto attraverso Twitter, scrivendogli le seguenti parole: “Vuoi che ti dia qualche lezione sui rigori?”. Bene, Johnson pare che abbia accettato, e sabato è iniziato il corso. Durante la sfida con gli Spurs, Puncheon ad un certo punto si è presentato dal dischetto, pronto a regalare la prima perla: rincorsa perfetta, tiro e… Pallone alle stelle!  Il povero Puncheon ha tirato orribilmente, concludendo così la prima parte del corso! Per tirare bene un rigore, infatti, è necessario che l’allievo capisca prima come non deve calciarlo! Il mondo del calcio, però, non ha intuito le sue tecniche didattiche, e ora ironizza su di lui. Che incompreso!

Il maestro ha bisogno di ripetizioni

Antonio Casu 

@antoniocasu_

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *