Vincenzo Galdieri

Bologna-Lazio è il trionfo della noia: 0-0

Bologna-Lazio è il trionfo della noia: 0-0
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L'anticipo serale non regala spunti di riflessione: tutti (o quasi) a casa insoddisfatti

Alessandro Diamanti, capitano del Bologna Serie A

Alessandro Diamanti, capitano del Bologna

Alla fine vince la paura di perdere. Bologna e Lazio non si fanno del male e badano per quasi tutta la partita più a non prenderle che a darle. Ne esce uno 0-0 scialbo, quasi del tutto privo di spunti di riflessione. Un po’ meglio i capitolini nel primo tempo, più in palla gli emiliani nella ripresa. Ma le emozioni si contano sulle dita di una mano. E non la riempiono nemmeno.

POCHE OCCASIONI, GODE SOLTANTO REJA – Poche occasioni da una parte e dall’altra. Nel primo tempo un gran bel tacco di Rolando Bianchi ben parato da Berisha. Nella ripresa la più ghiotta capita sui piedi di Klose: ben imbeccato da uno splendido Candreva, il tedesco a tu per tu col portiere manda alto. Non da lui. Felipe Anderson stecca e viene sostituito da Keita, ma il brasiliano qualcosina la lascia intravedere. Anche il Bologna a dire il vero ha una grande occasione, sempre nella ripresa. E sulla medesima falsariga di quella degli avversari: trama esterna di Diamanti che crea e cucina un pallone d’oro per Kone. Il greco ha meno colpe di Klose: bel tiro, di poco fuori. Rimangono sostanzialmente gli unici due momenti di dubbio in un match contrassegnato dalla calma più assoluta. Un punto per uno. Ballardini esordisce senza perdere, Reja conferma l’imbattibilità dal giorno del suo ritorno: 4 punti in 2 gare. E senza subire gol. Alla fine godono soltanto gli allenatori per il loro score personale. Non di certo le squadre, alle quali serviva una vittoria per inseguire i rispettivi obiettivi stagionali. E non di certo i tifosi, che si consolano con un dato: anche Atletico Madrid-Barcellona è finita 0-0. Alla fine il calcio spagnolo non è tanto diverso da quello italiano. Se non fosse per l’incredibile dislivello sul piano dello spettacolo.

Vincenzo Galdieri
@Vince_Galdieri

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *