Giuseppe Folchini
No Comments

Fuori dai denti : Pensioni d’oro e balle d’argento

Bocciata la mozione del M5S, contro le pensioni d'oro. Tuoni e fulmini contro la casta. Ma la verità è un altra

Fuori dai denti : Pensioni d’oro e balle d’argento
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

folchini_sketchIL COMPLOTTO DELLA CASTA – La parola pensioni d’oro, nel nostro Paese, scatena sempre rabbia ed indignazione. Una parola magica, che trasforma qualsiasi rospo politico nel principe azzurro  difensore degli oppressi. Quindi il Movimento Cinque Stelle è partito -novello Don Chisciotte- lancia in resta contro i mulini a vento, rappresentati dall’odiata casta (con la k se volete essere più cattivi). Tutti i partiti sono rei, secondo lo spamming massivo che circola sul web, di avere votato contro la mozione sulle pensioni d’oro, presentata dal deputato pentasidereo Giorgio Sorial. Questa proposta, secondo i promotori, avrebbe tolto ai ricchi per dare ai poveri. Come in tutte le favole che si rispettino, è meglio iniziare dal principio.

CI AVEVA GIA’ PROVATO MONTI – Cioè da quel 5 Giugno 2013, giorno in cui la Consulta dichiara incostituzionale una legge del governo Monti che aveva introdotto un contributo di perequazione: nella misura del 5 per cento sulla quota di assegno eccedente i 90.000 euro, del 10 per cento per la parte eccedente i 150.000 euro e del 15 per cento per la parte eccedente i 200.000 euro. Le motivazioni ritengono ” un intervento impositivo irragionevole discriminatorio ai danni di una sola categoria di cittadini “, poiché i provvedimenti colpivano i soli dipendenti pubblici e non anche i lavoratori autonomi o privati,  lasciando indenni le altre categorie previdenziali. Eh si, ci avevano già provato a mettere mano sulle pensioni d’oro ma in malo modo. Poichè la Corte Costituzionale non si deve occupare di redistribuzione del reddito, bensì -come potete ben immaginare- vigilare appunto sulla costituzionalità dei provvedimenti. Non solo questa sentenza, ha provocato un disavanzo di 84 milioni di euro. La somma che lo Stato deve restituire . Vero che il provvedimento riguarda da vicino anche i giudici (a pensar male si fa peccato, ma spesso si indovina) ma dal punto di vista giuridico di equità ineccepibile: o prelevi da tutti o da nessuno.

L’APOCALISSE- Alessandro Di Battista pubblica il video dell’intervento di Sorial alla Camera riguardo le pensioni d’oro. Un messaggio che punta alla legittimazione del solo M5S, dando l’impressione di essere gli unici promotori di un bene assoluto con i consueti toni apocalittici. In altri post attivisti e simpatizzanti non ci hanno fatto mancare l’ennesima lista di proscrizione, dei 336 deputati che non hanno votato la “loro” mozione.

LE BALLE- La discussione alla Camera è avvenuta su sette, provo a riscriverlo magari non si capisce bene, dico 7 mozioni. Ergo non è vero che il M5S sia stato l’unico ad aver presentato la mozione taglia pensioni. La mozione Soriel, non aveva i canoni di costituzionalità già indicati precedentemente.  Il principio base è quello di tassare progressivamente tutte le pensioni con aliquote progressive, utilizzando il gettito maggiore per integrare le minime. Bene. tutto perfetto allora ? Non proprio: la Consulta ha spiegato che non è legittimo coinvolgere solo una categoria di cittadini, e in questa mozione si indicavano solo i pensionati. Mentre è stata presentata una proposta applicabile, perché  basata sulla contribuzione progressiva dei redditi ( quindi dipendenti pubblici e privati, autonomi, pensionati) sopra i 75 mila euro annui lordi, tra cui anche le cosiddette pensioni d’oro. Allora ribaltiamo il punto di vista: perché  il Movimento non ha votato quella presentata da Sel ? Se Sel non va bene, perché quelli di sinistra vi stanno sulle scatole,  perché non quella della Lega o di Fratelli d’Italia ? La proposta di cui sopra, è stata presentata da uno di questi soggetti. Non vi dirò quale ma i deputati del M5S, lo sanno (spero).

PERCHE’? – Spiegatelo a noi poveri cittadini, attendiamo fiduciosi che la luce aurea della conoscenza, giunga anche da queste parti e non rimanga solo in possesso di Dibba. Perchè se l’obiettivo era quello di aumentare i redditi dei poveri pensionati, i conti non mi tornano. Se invece si tratta di marketing  per poi dire ” Ecco, vedete? Votano contro!!!”…allora il risultato è stato eccellente.

Buona settimana a tutti, pensionati d’oro e facce di bronzo

Giuseppe Folchini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *