Redazione

Calcioscommesse, Buffon: “Peggio del 2006”

Calcioscommesse, Buffon: “Peggio del 2006”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Gianluigi Buffon, portiere della Juventus

COVERCIANO, 31 MAGGIO – Dal ritiro dove la nazionale italiana si trova per preparare i prossimi europei, il portiere azzurro Gianluigi Buffon ha espresso la propria amarezza per quanto emerso dagli ultimi sviluppi relativi all’indagine sulle calcio scommesse: “È peggio di quello del 2006. Oggi è coinvolto tutto il movimento, allora al 95% era un club. Ho sempre giocato in club forti. Ma se avessi giocato nel peggiore non avrei fatto certe cose, ho avuto un’educazione sportiva. Se non hai dentro l’onestà, l’unica soluzione sono pene esemplari e severe”.

“PRESERVARE LA LIBERTA'” – L’estremo difensore della Juventus ha poi parlato a proposito dei dissapori scaturiti dalla recenti dichiarazioni nelle quali aveva giustificato gli accordi tra due squadre in modo che l’una aiutasse l’altra in caso di difficoltà di classifica: “Non posso dire quello che realmente cuore e mente pensino. Ho avuto l’ennesima conferma che alla fine le persone con la coscienza a posto e senza scheletri nell’armadio non possono esprimere il proprio pensiero. Credo che la prima cosa da preservare sia la democrazia, la libertà: per questo poi accetto le critiche e mi prendo le responsabilità, però dispiace sentire poi da voi giornalisti delle paternali. Mettere sullo stesso piano chi scommette per soldi e cioò a cui ho fatto riferimento io non è una cosa giusta. Secondo voi è giusto? Se per quelle frasi sarò ascoltato in Procura? Non lo so, il brutto è che le cose si apprendono sempre dai media e giorni prima. Vi sembra un cosa normale? Ci sono delle operazioni giudiziarie, e voi lo sapete tre o quattro mesi prima – prosegue Buffon riferendosi ai giornalisti presenti in sala stampa, ma non solo –. Uno parla con i pm e voi sapete il contenuto dieci minuti dopo: è una vergogna. Fuori da Coverciano c’erano le telecamere dalle 6 del mattino. Ho piena fiducia nei pm che possono fare piena giustizia. Perché non c’è nulla di peggio che giocare o speculare sulla vita delle persone”

L’SMS – “Sul web dicono che hai scommesso…”. Così recitava un messaggio ricevuto in seguito al pareggio nella terzultima giornata contro il Lecce, che pareggiò nel finale con Bertolacci grazie ad una papera del portiere:  “Un giornalista me lo ha mandato. Se sei così tarato da pensare male, davvero non so cosa dire. Sono offese che mi disarmano“.

RISPOSTA A MONTI – Chiusura dedicata ad una considerazione sulle recenti dichiarazioni del premier Mario Monti secondo cui la macchina del calcio italiana dovrebbe chiudere per 2 o 3 anni in modo da riattivarsi limpidamente: “Non mi permetto di proferire verbo sulla questione. Parliamo sempre del presidente del Consiglio, la nostra massima autorità, sicuramente una persona capace e di buon senso. La risposta migliore, che è poi quella vera, l’ha data il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete“, le parole riportate dal sito del ‘Corriere dello sport’.

Alessio Tuveri

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *